Dopo un non-autunno, ci troviamo di fronte l’incognita del Che inverno sarà. Rigido (speriamo di no, visti i costi dell’energia), insolitamente caldo? Siccitoso o umidissimo? Temperatura e meteo, senza ricorrere a previsioni incerte, ci dicono comunque che il clima è cambiato. Non sono più (solo) gli scienziati a parlare (e a essere quasi inascoltati). A parlare è la Terra. La na- tura. Per capirci qualcosa abbiamo chiesto informazioni – e indicazioni (siamo o no superdisorientati?) – a due esperti di fama internazionale: il geofisico e climatologo Gianluca Lentini e l’oceanografo vittoriese Sandro Carniel.

“Non avrei mai pensato che, in pensione, mi sarei occupato di questo”. Scuote la testa, Danilo Tomè, e sorride, mentre racconta cosa ha fatto negli ultimi sette anni, periodo in cui si è stato sommerso da richieste di aiuto, permessi di soggiorno, offerte di lavoro, ricongiungimenti familiari, burocrazia. Ma soprattutto da storie e persone. Danilo ci si è trovato dentro, all’improvviso, e non ha potuto far altro, dal Natale del 2015, che prendere in mano la situazione. Dando una casa, un la- voro, un futuro, ad oltre 40 ragazzi. Fino ad oggi, perché Danilo mica si ferma qui, anzi.

Pur essendo un edificio defilato rispetto ad altre celebri opere incompiute del coneglianese, Casa Bidoli e la sua lunga vicenda tornano periodicamente all’attenzione della città: a oltre tre decenni dall’acquisto da parte di Casa Fenzi, dello stabile risultano utilizza- ti solo due piani su sei.

“Diego, a casa!”. A Farra di Soligo, la voce di Margarita – col suo bellissimo accento spagnolo – diventa imperativa. Niente di che stupirsi. Se non fosse che Diego è un conuro della Patagonia. Un pappagallo insomma. Se non fosse che Diego obbedisce come un bambino obbediente. Spiega le ali, spicca il volo dal lampione dov’era andato a picnicare e attraverso la finestra aperta entra in casa. In salotto. O in cucina. Dove svolazza libero insieme a Tommy e Birba: quest’ultima un’aratinga testa blu che ha preso dimora da Margarita dopo un abbandono.

In questo numero del Quindicinale troverete anche il nostro allegato culinario: Trevisani a Tavola, oltre a tutte le notizie più interessanti dell’ultimo periodo. Che aspettate? La vostra copia del Quindicinale, elettronica o cartacea, vi aspetta!

Abbonamento postale
da €34,90/anno
  • 22 numeri + un regalo a scelta
Abbonamento digitale
19,90/anno
  • 22 numeri formato digitale

Ricevi 3 mesi gratis

Il Quindicinale è un punto di riferimento fondamentale per orientarsi nel panorama dell’informazione locale. Uno strumento prezioso per conoscere ciò che avviene nell’Alta Marca Trevigiana; un giornale attento e aperto ai diversi contributi, giovane, vivace, stimolante. Indispensabile per aggiornarsi e partecipare ai dibattiti e ai problemi locali.

Vuoi ricevere le nostre anticipazioni?

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER